Diego Bejarano

©

Visite consigliate

Costa de la Luz

Nei din­tor­ni di en­tram­be le cit­tà tro­ve­re­te buo­ni esem­pi del ric­co pa­tri­mo­nio cul­tu­ra­le dell'An­da­lu­sia. Capo di Tra­fal­gar, sce­na­rio del­la fa­mo­sa bat­ta­glia na­va­le tra l'ar­ma­ta in­gle­se e quel­la spa­gno­la, l'an­ti­ca cit­tà ro­ma­na di Bo­lo­nia, la cit­tà di Je­rez de la Fron­te­ra, fa­mo­sa per la sua cul­tu­ra vi­ni­co­la, i ca­val­li e il fla­men­co, la mo­nu­men­ta­le e vi­bran­te Si­vi­glia, la cit­tà por­tua­le sto­ri­ca di Ca­di­ce, e il vil­lag­gio bian­co di Ve­jer de la Fron­te­ra, con il suo pas­sa­to mo­re­sco.

Marocco

In soli 35 mi­nu­ti at­tra­ver­so lo Stret­to di Gi­bil­ter­ra, il viag­gia­to­re può ri­tro­var­si im­mer­so nel­la cul­tu­ra ti­pi­ca­men­te ma­roc­chi­na del­la cit­tà di Tan­ge­ri. Nel suo souk po­trà ri­vi­ve­re il tram­bu­sto di gen­te così ca­rat­te­ri­sti­co dei mer­ca­ti ma­roc­chi­ni, ac­qui­sta­re mer­can­teg­gian­do pro­dot­ti ti­pi­ci lo­ca­li e as­sa­po­ra­re un au­ten­ti­co tè alla men­ta. Dopo il tram­bu­sto del mer­ca­to, l'Ho­tel Min­za, un ba­stio­ne dell'im­pe­ria­li­smo, è un buon po­sto per ri­las­sar­si con un drink rin­fre­scan­te. Per co­no­sce­re tut­to ciò che que­sta cit­tà ric­ca di sto­ria è in gra­do di of­fri­re ai tu­ri­sti più cu­rio­si e ir­re­quie­ti, nien­te è me­glio che con­tat­ta­re una buo­na gui­da. Con­si­glia­mo i ser­vi­zi di Aziz Beg­dou­ri (aziz­tou­r@­hot­mail.com). Cer­ti di po­ter ascol­ta­re così, du­ran­te la vi­si­ta ai mo­nu­men­ti em­ble­ma­ti­ci del­la cit­tà, le sto­rie in­te­res­san­ti che han­no reso pro­ta­go­ni­sti a Tan­ge­ri scrit­to­ri come Paul Bo­w­les e Ten­nes­see Wil­liams.

Vejer de la Frontera

Per su­sci­ta­re l'in­te­res­se del viag­gia­to­re in que­sta cit­tà di Ca­di­ce, for­se sa­reb­be suf­fi­cien­te dire che Ve­jer è sta­ta di­chia­ra­ta Mo­nu­men­to Na­zio­na­le Ar­ti­sti­co. La sua rete di stra­di­ne ac­ciot­to­la­te, le sue case bian­che, i suoi nu­me­ro­si mo­nu­men­ti ar­cheo­lo­gi­ci e re­li­gio­si sono spar­si sul­la cima di una col­li­na a cir­ca 10 km dal­la co­sta, so­pra il fiu­me Bar­ba­te. Il de­si­gn e l'ar­chi­tet­tu­ra del tes­su­to ur­ba­no ri­spec­chia­no la tra­di­zio­ne an­da­lu­sa con in­fluen­ze ara­be. Per ol­tre cin­que se­co­li, Ve­jer, chia­ma­ta Be­shir, è ri­ma­sta sot­to il do­mi­nio mu­sul­ma­no. Ve­jer è uno dei vil­lag­gi bian­chi dell'An­da­lu­sia, con gran­de fa­sci­no, un luo­go in cui per­der­si sen­za fret­ta at­tra­ver­so le sue stra­de ri­pi­de e viag­gia­re con la fan­ta­sia in­die­tro nel pas­sa­to ara­bo così pre­sen­te nel­la di­spo­si­zio­ne del­le sue stra­de e nell'ar­chi­tet­tu­ra del­le case. L'at­mo­sfe­ra ro­man­ti­ca di que­sta cit­tà si re­spi­ra in modo par­ti­co­la­re dopo il tra­mon­to. Il cre­scen­te in­te­res­se tu­ri­sti­co di Ve­jer ha fat­to sì che le sue stra­de pro­spe­ras­se­ro di ri­sto­ran­ti come El Jar­din del Ca­li­fa, e bar dove i vi­si­ta­to­ri pos­so­no de­gu­sta­re e as­sa­po­ra­re i piat­ti del­la cu­ci­na an­da­lu­sa.

Tarifa

A soli 15 km dal Nord Afri­ca, Ta­ri­fa con­ser­va an­co­ra il sa­po­re ara­bo nel­le sue stra­de ac­ciot­to­la­te e nel­le case bian­che, così come nell'ar­chi­tet­tu­ra e nell'ar­re­da­men­to dei ri­sto­ran­ti e ne­go­zi. Il prin­ci­pa­le mo­nu­men­to è il Ca­stel­lo di Gu­z­man el Bue­no, for­tez­za de­ci­si­va per la con­qui­sta cri­stia­na del­la zona. Inol­tre qui sono con­ser­va­te le tor­ri del­le mura an­ti­che del­la cit­tà e una del­le sue por­te, chia­ma­ta Puer­ta de Je­rez. Fa­mo­sa per i for­ti ven­ti orien­ta­li che so­li­ta­men­te vi sof­fia­no, Ta­ri­fa è di­ven­ta­ta un pa­ra­di­so per ap­pas­sio­na­ti di wind­surf e ki­te­surf. Que­sto è il po­sto per tut­ti co­lo­ro che ama­no pra­ti­ca­re o con­tem­pla­re que­sti sport. Un'at­mo­sfe­ra che si re­spi­ra sia di gior­no che di not­te in spiag­ge, ne­go­zi, bar e ri­sto­ran­ti. Una tra­ghet­to che sal­pa dal por­to con­du­ce a Tan­ge­ri in soli 35 mi­nu­ti.

Jerez de la Frontera

Il vino, il fla­men­co e ca­val­li sono i tre ele­men­ti chia­ve del­la sto­ria e del­la cul­tu­ra di que­sta cit­tà di Ca­di­ce. Le sue can­ti­ne sono co­no­sciu­te in tut­to il mon­do, i suoi ar­ti­sti fa­mo­si di bal­lo e di can­to di fla­men­co e gli spet­ta­co­li eque­stri del­la Scuo­la Rea­le An­da­lu­sa di Arte Eque­stre sono tre del­le mag­gio­ri, ma non uni­che, at­tra­zio­ni tu­ri­sti­che. Je­rez de la Fron­te­ra of­fre ai vi­si­ta­to­ri un in­te­res­san­te pa­tri­mo­nio sto­ri­co e ar­ti­sti­co, che com­pren­de mo­nu­men­ti come El Al­cá­zar si­tua­to a Ala­me­da Vie­ja, la Cat­te­dra­le, il Ca­bil­do an­ti­co nel­la Piaz­za de la Asun­ción, la Car­tu­ja de San­ta María de la De­fen­sión e nu­me­ro­se chie­se spar­se in tut­to il cen­tro sto­ri­co. Di no­te­vo­le in­te­res­se ar­chi­tet­to­ni­co sono an­che al­cu­ne del­le sue can­ti­ne, come quel­le di Tio Pepe de Gon­za­lez Byass; il pa­laz­zo in sti­le fran­ce­se El Re­creo de las Ca­de­nas, sedi de­gli spet­ta­co­li eque­stri più fa­mo­si dell'An­da­lu­sia e nel­la cui re­cin­zio­ne si tro­va­no inol­tre mu­sei di in­te­res­se; e il Pa­laz­zo di Pemartín, sede del Cen­tro An­da­lu­so di Fla­men­co dove i vi­si­ta­to­ri pos­so­no go­der­si que­sta for­ma d'arte così le­ga­ta a Je­rez, Pa­tri­mo­nio Cul­tu­ra­le Im­ma­te­ria­le dell'Uma­ni­tà.

El Puerto de Santa María

In que­sta ter­ra di vino, frut­ti di mare e tori si può ar­ri­va­re da Ca­di­ce at­tra­ver­san­do la baia a bor­do del fa­mo­so Va­por­ci­to, un'im­bar­ca­zio­ne sto­ri­ca di­chia­ra­ta di in­te­res­se cul­tu­ra­le. Du­ran­te il viag­gio, di non più di un'ora, i vi­si­ta­to­ri pos­so­no ve­de­re l'in­te­ro gol­fo di Ca­di­ce, con i suoi por­ti, spiag­ge e cit­tà co­stie­re. Ol­tre a de­gu­sta­re i vini e piat­ti di frut­ti di mare, con­si­glia­mo di cam­mi­na­re per le sue vie, fon­den­do­si con la gen­te e vi­si­tan­do gli edi­fi­ci di in­te­res­se sto­ri­co, e vi­si­ta­re il Ca­stel­lo di San Mar­cos, il pa­laz­zo de Las Ca­de­nas, il Mo­na­ste­ro di San Mi­guel e la Chie­sa del Mayor Prio­ral. Per co­no­sce­re il pro­ces­so di pre­pa­ra­zio­ne dei vini, non vi è nien­te di me­glio che vi­si­ta­re al­cu­ne can­ti­ne, tra i qua­li quel­la di Osbor­ne e Ter­ry Knight. E se de­si­de­ra­te ac­com­pa­gna­re que­sti vini tra­di­zio­na­li con un buon pa­sto o ta­pas di pe­sce o "pe­sce frit­to", vi con­si­glia­mo di vi­si­ta­re la zona chia­ma­ta Ri­be­ra del Ma­ri­sco, dove si con­cen­tra­no i lo­ca­li di ri­sto­ra­zio­ne più co­no­sciu­ti dal­la gen­te del po­sto e dai tu­ri­sti abi­tua­li.

Capo Trafalgar

Sito sto­ri­co in cui ha avu­to luo­go la fa­mo­sa bat­ta­glia di Tra­fal­gar nel 1805, una del­le più de­ci­si­ve bat­ta­glie na­va­li del­la sto­ria bri­tan­ni­ca. La flot­ta fran­co-spa­gno­la fu scon­fit­ta da­gli in­gle­si gui­da­ti dall'am­mi­ra­glio Nel­son. Qui si tro­va­no il faro omo­ni­mo e re­sti di un'an­ti­ca tor­re di guar­dia co­strui­ta da­gli ara­bi nel IX se­co­lo, ol­tre ai re­sti ar­cheo­lo­gi­ci di una fab­bri­ca ro­ma­na per la sa­la­tu­ra e di un in­se­dia­men­to ispa­no-mu­sul­ma­no. A cau­sa del­la bat­ta­glia men­zio­na­ta, nel­la qua­le af­fon­da­ro­no de­ci­ne di navi, que­sta zona co­stie­ra è ric­ca di re­lit­ti. La pic­co­la iso­la dove si tro­va il faro di Tra­fal­gar è si­tua­ta tra le baie di Co­nil e Bar­ba­te. Fa par­te del mu­ni­ci­pio di Bar­ba­te e del­la rete di aree na­tu­ra­li pro­tet­te dell' An­da­lu­sia sot­to il nome di Tom­bo­lo di Tra­fal­gar.

Bolonia

Gli aman­ti del­la sto­ria e dell'ar­cheo­lo­gia po­tran­no gioi­re, sen­za dub­bio, vi­si­tan­do le ro­vi­ne ro­ma­ne di Bae­lo Clau­dio. Si­tua­to nel­la pic­co­la cit­tà di Bo­lo­nia, ap­par­te­nen­te nel co­mu­ne di Ta­ri­fa, è sta­to uno dei più im­por­tan­ti in­se­dia­men­ti dell'epo­ca ro­ma­na. La cit­tà di Bae­lo Clau­dio è sta­ta co­strui­ta alla fine del II se­co­lo AC ed è uno dei mi­glio­ri esem­pi di ur­ba­ni­sti­ca ro­ma­na co­no­sciu­ti. Que­sto sito ar­cheo­lo­gi­co, che è sta­to di­chia­ra­to Mo­nu­men­to Na­zio­na­le, è vi­si­bi­le dal­la spiag­gia di Bo­lo­nia. De­li­mi­ta­ta dal muro pe­ri­me­tra­le, si esten­de su una su­per­fi­cie di poco più di 13 et­ta­ri. Ol­tre ai re­sti del­le mura, del foro, il tea­tro, la ba­si­li­ca e la fab­bri­ca di sale del­la cit­tà. La vi­si­ta del­la cit­tà an­ti­ca di Bae­lo Clau­dio rap­pre­sen­ta un viag­gio fan­ta­sti­co nel pas­sa­to. I car­tel­li se­gna­le­ti­ci e le in­for­ma­zio­ni col­lo­ca­te stra­te­gi­ca­men­te in tut­ta la cit­tà aiu­ta­no a com­pren­de­re e im­ma­gi­na­re nel det­ta­glio come era­no le stra­de, il tea­tro, il foro ... la vita in que­sto luo­go spet­ta­co­la­re con vi­sta sul mare.

Siviglia

Si­vi­glia è, per mol­ti dei nu­me­ro­si tu­ri­sti che ven­go­no a vi­si­tar­la tut­ti i gior­ni, la cit­tà an­da­lu­sa più bel­la e mo­nu­men­ta­le. La sua gran­de Cat­te­dra­le con la Gi­ral­da, em­ble­ma del­la cit­tà, la Tor­re dell' Oro, la Casa de Pi­la­tos, l'Al­ca­zar, l'Ar­chi­vo de In­dias, il Mu­seo del­le Bel­le Arti e nu­me­ro­si con­ven­ti e chie­se sono al­cu­ni dei mo­nu­men­ti più im­por­tan­ti del pa­tri­mo­nio sto­ri­co ar­ti­sti­co. Luo­ghi ob­bli­ga­ti per chi vuo­le co­no­sce­re la sto­ria e la cul­tu­ra del­la ca­pi­ta­le dell'An­da­lu­sia. La Pla­za de To­ros, il Par­co Ma­ria Lui­sa e quar­tie­ri come La Ma­ca­re­na, Tria­na e San­ta Cruz sono fon­da­men­ta­li per com­ple­ta­re la vi­si­ta del­la cit­tà di Si­vi­glia. Fa­cen­do un giro fra i quar­tie­ri più ti­pi­ci di Si­vi­glia, i viag­gia­to­ri pos­so­no gu­sta­re i sa­po­ri tra­di­zio­na­li del­la cu­ci­na di Si­vi­glia, nei pub, bar, can­ti­ne e ri­sto­ran­ti. Qui si tro­va­no an­che ne­go­zi per ac­qui­sta­re sou­ve­nir del­la cit­tà. For­se è la pri­ma­ve­ra, quan­do i ter­mo­me­tri non rag­giun­go­no an­co­ra alte tem­pe­ra­tu­re, il mo­men­to mi­glio­re per pas­seg­gia­re per le stra­de, piaz­ze, pa­laz­zi, chie­se e nu­me­ro­si mo­nu­men­ti del cen­tro sto­ri­co di Si­vi­glia. E' sem­pre in que­sto pe­rio­do dell'anno che l'odo­re di fio­ri d'aran­cio è più per­va­si­vo e de­li­zio­so.

Algarve

Al­gar­ve, a sud del Por­to­gal­lo, è una del­le zone tu­ri­sti­che più at­traen­ti del pae­se, so­prat­tut­to in esta­te, quan­do si ri­cer­ca­no spiag­ge sab­bio­se e ac­que cri­stal­li­ne. E 'un pa­ra­di­so per il Cuer­po e la men­te, e una buo­na oc­ca­sio­ne per co­no­sce­re, ol­tre alla sua in­can­te­vo­le co­sta, cul­tu­ra, tra­di­zio­ni, ga­stro­no­mia, ar­chi­tet­tu­ra e ar­ti­gia­na­to ti­pi­ci del­la zona, non­ché il ca­rat­te­re ami­che­vo­le e af­fa­bi­le dei suoi abi­tan­ti. Da Si­vi­glia, at­tra­ver­so l'au­to­stra­da, si ar­ri­va fa­cil­men­te in que­sta lo­ca­li­tà por­to­ghe­se dove si ri­co­no­sco­no fan­ta­sti­che spiag­ge di sab­bia fine e do­ra­ta, e ma­gni­fi­che ca­let­te na­tu­ra­li.

Cadice

E' il luo­go in cui, a feb­bra­io, tut­ti gli ap­pas­sio­na­ti del Car­ne­va­le vor­reb­be­ro an­da­re. Ma vi­si­ta­re Ca­di­ce, la "Ta­ci­ta de Pla­ta", è un pia­ce­re in ogni sta­gio­ne. Una vol­ta che il viag­gia­to­re ha su­pe­ra­to Puer­ta Tier­ra, mo­nu­men­to che con­du­ce nel­la par­te vec­chia del­la cit­tà, l'im­ma­gi­na­zio­ne può ini­zia­re a muo­ver­si tra le di­ver­se epo­che di in­te­res­se che la cit­tà ha vis­su­to in ol­tre 3.000 anni di sto­ria. Si dice che sia la cit­tà più an­ti­ca d'Oc­ci­den­te, e in essa sia­no pas­sa­ti gre­ci, ro­ma­ni, vi­si­go­ti e ara­bi, ol­tre ad al­tri po­po­li. Non sor­pren­de quin­di che il cen­tro sto­ri­co sia sta­to di­chia­ra­to Mo­nu­men­to Sto­ri­co Ar­ti­sti­co. La Cat­te­dra­le, con la sua gran­de cu­po­la do­ra­ta, è il mo­nu­men­to, se non più im­por­tan­te, più vi­si­bi­le da qua­si ogni pun­to del tes­su­to ur­ba­no. A que­sto tem­pio se ne ag­giun­go­no al­tri di ugua­le in­te­res­se sto­ri­co. Tra que­sti, la Chie­sa di San­ta Cruz, an­ti­ca cat­te­dra­le del­la cit­tà, l'Ora­to­rio di San Fi­lip­po Neri, la Cap­pel­la Ora­to­ria del­la San­ta Cue­va e la Chie­sa di Sant'Ago­sti­no. Al­tri luo­ghi di in­te­res­se sono: Tor­re Ta­vi­ra, con la sua ca­me­ra oscu­ra, la Pri­gio­ne Rea­le, oggi tri­bu­na­le del­la cit­tà, i ca­stel­li di San Se­ba­stia­no e San­ta Ca­te­ri­na, l'Arco del Po­po­lo, l'an­ti­co Tea­tro Ro­ma­no e l'ap­par­ta­ta Pla­ya de la Ca­le­ta dove vie­ne con­ser­va­to quel­lo che era un ex cen­tro bal­nea­re ri­strut­tu­ra­to. Le zone più ti­pi­che del­la "Ta­ci­ta de Pla­ta" sono quar­tie­ri come La Viña, quar­tie­re di pe­sca­to­ri dove è pos­si­bi­le gu­sta­re il tra­di­zio­na­le "pe­sce frit­to", quel­lo de El Po­pu­lo, an­ti­co bor­go me­die­va­le, e San­ta Ma­ria, cen­tro del fla­men­co.